decreto ristori ter

Decreto Ristori Te: nuovi indennizzi per le imprese

Il Consiglio dei Ministri si è già riunito e a breve verrà ufficializzato il Decreto Ristori Ter. In particolare riguarderà nuovi aiuti e indennizzi per le attività delle zone arancioni e rosse.

Poi partiranno subito le sospensioni fiscali per le imprese con fatturato fino a 50 milioni di euro e perdite (causa emergenza sanitaria) non inferiori al 33%. 

Dopodichè si procederà anche con il tanto chiacchierato scostamento di bilancio, che ci sarà e porterà in dote a Governo quasi 7 miliardi di euro che diventeranno utilizzabili per altre misure.

Di seguito tutte i nuovi incentivi e le novità di questo decreto a cui, è già stato annunciato, seguirà anche il quater.

Decreto Ristori Ter: gli incentivi

Le nuove misure di sostegno riguarderanno quindi nuovi indennizzi, sospensione di Iva e ritenute, e stop agli acconti di Novembre. 

Il Decreto Ristori Ter dovrebbe avere in dotazione circa 8 miliardi di euro, e la platea degli aventi diritto è stata ampliata. Quindi con le nuove misure, a beneficiare degli incentivi saranno anche tutte quelle attività che hanno subito perdite a partire dal 33% a causa dell’emergenza sanitaria e delle conseguenti restrizioni. 

Precedentemente invece, gli indennizzi erano destinati solamente alle attività che hanno dovuto ridurre l’orario di lavoro o chiudere temporaneamente. 

Lo stop alle scadenze fiscali

Ma non solo incentivi, perché con il Decreto  tutte le attività danneggiate o in difficoltà, non dovranno pagare Iva e ritenute per tutto il mese di Novembre. Stop quindi agli acconti IVA di Novembre a all’acconto IVA 2020 previsto per il 27 Dicembre (il cui blocco sarà contenuto sicuramente del Decreto Ristori Quater).

Rimane invece un incognita la Tari, tassa sulla spazzatura. A quanto pare la stragrande maggioranza dei Comuni italiani non può più scontarla alle attività chiuse e quindi sono costretti a procedere come da prassi. 

Si tratterebbe di un paradosso colossale, infatti il Ministro dell’Economia e delle Finanze Gualtieri è già al lavoro su una nuova normativa che possa evitare tutto questo.

Tornando sempre alla questione “scadenze fiscali”, il Governo è al lavoro per far slittare non solo le scadenze che vi abbiamo citato, ma anche tutti i termini previsti entro la fine del mese di Novembre. Compresa la presentazione della Dichiarazione dei Redditi (cartacea).

Conclusioni

Insomma, i fondi stanziati e non spesi durante l’anno confluiranno tutti nel Decreto Ristori Ter, che ne uscirebbe quindi rafforzato. Le prime misure (Decreto Ristori I, e Bis) non sono state sufficienti, ma ora con il Ter la musica dovrebbe cambiare visto che porta in dote ben 8 miliardi di euro. 

E fra l’altro è stato reso accessibile anche a nuovi Codici Ateco, che ora possono usufruire degli indennizzi legati al Decreto Ristoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indirizzo

Studio Tributario Europeo

Via Ardeatina 306 

00042 Anzio (RM)

Orari di apertura

Dal Lunedi al venerdì mattina

9:00 - 13:00

15:30 - 18:30

Venerdì pomeriggio chiuso

Contatti

Ufficio: 06 9887 2777

Cellulare: 342 055 2428


Torna su

2019 - 2020 © Studio Tributario Europeo Srl di Antonio Vena (P.Iva 06434301005 ) e Matteo Vena ( P.Iva 15658451008) - Privacy Policy - Cookie Policy