bonus casa

Bonus casa: tutti gli incentivi fiscali previsti per il 2022

La Legge di bilancio 2022 ha confermato la maggior parte dei bonus previsti per i lavori in casa, dalle agevolazioni per acquistare mobili a quelle per migliorare il livello di efficienza energetica fino all’abbattimento delle barriere architettoniche. Vediamo insieme quali sono tutti i bonus casa confermati nel 2022.

Negli ultimi anni, il governo ha introdotto diversi bonus e agevolazioni per aiutare le famiglie italiane, soprattutto dopo la crisi causata dalla pandemia. Tra le varie misure previste diverse riguardano la casa, dal bonus mobili al superbonus 110% fino al bonus per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Vediamo nei dettagli quali sono le agevolazioni fiscali previste per chi svolge lavori in casa.

Bonus casa 2022: superbonus 110%, ecobonus, bonus ristrutturazione, bonus mobili

Il bonus casa più conosciuto e utilizzato è sicuramente il superbonus 110%, la detrazione prevista per le spese sostenute per interventi finalizzati all’efficienza energetica o alla riduzione del rischio sismico degli edifici. Per accedere alla detrazione del 110% è necessario eseguire almeno uno degli interventi di riqualificazione energetica definiti trainanti, che includono: 

  • Lavori di isolamento termico degli edifici, con un’incidenza pari almeno al 25% della superficie 
  • Lavori di sostituzione dei vecchi impianti di climatizzazione in condominio, con impianti centralizzati ad alta efficienza energetica,
  • Interventi su edifici singoli e villette per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti per riscaldamento, raffrescamento o fornitura di acqua calda a pompa di calore. 

È possibile usufruire della detrazione al 110% se i lavori verranno conclusi entro il 2023, mentre dal 2024 scenderà al 70% e nel 2025 al 65%.

L’agevolazione è stata prorogata fino al 2025 per condomini ed edifici da 2 a 4 abitazioni, mentre per  le villette unifamiliari, è stata confermata solo fino al 31 dicembre 2022.

Altri due bonus che si rivolgono alle abitazioni sono l’ecobonus e il bonus ristrutturazione. Il primo è stato pensate per aiutare economicamente i cittadini a ridurre l’impatto ambientale dei consumi di energia, mentre il secondo si rivolge a quei contribuenti soggetti all’Irpef, residenti o meno nel territorio dello Stato, che sostengono le spese di ristrutturazione, beneficiando di uno sgravio IRPEF pari al 50 per cento della spesa sostenuta, entro il limite di 96.000 euro. Nell’ecobonus rientra anche l’installazione di un impianto domotico per migliorare l’efficienza della propria abitazione. La domotica ci permette infatti di controllare tramite la sola connessione internet e una comoda app per smartphone (per tutti gli operatori) tutti gli impianti domestici, anche da remoto. In questo modo sarà più facile limitare gli sprechi e risparmiare sui consumi. Per un risparmio maggiore è bene scegliere il fornitore adeguato con cui fare un nuovo allaccio o un subentro delle proprie utenze domestiche.

Il bonus mobili prevede una detrazione del 50% calcolata su un importo massimo di 10.000 euro per l’anno 2022 e di 5.000 euro per gli anni 2023 e 2024, riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Altri tipi di bonus

Bonus facciate

Il bonus facciate è una detrazione d’imposta pari al 60% delle spese sostenute nel 2022, per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali.

Bonus verde

Il bonus verde (o bonus giardini)  consiste in una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi.

Bonus barriere architettoniche

Il bonus eliminazione barriere architettoniche è stato introdotto dalla Manovra e si rivolge a quegli interventi svolti per l’abbattimento delle barriere architettoniche in edifici già esistenti. È pari al 75% delle spese sostenute fino a un importo massimo variabile, da 30mila a 50mila euro, a seconda dell’edificio su cui sono eseguiti i lavori.

Sisma bonus

Infine, il sisma bonus è una detrazione usufruibile per interventi di ristrutturazione su immobili che si trovano in zone considerate a rischio sismico.

Indirizzo

Studio Tributario Europeo

Via Ardeatina 306 

00042 Anzio (RM)

Orari di apertura

Dal Lunedi al venerdì mattina

9:00 - 13:00

15:30 - 18:30

Venerdì pomeriggio chiuso

Contatti

Ufficio: 06 9887 2777


Torna su

2019 - 2020 © Studio Tributario Europeo Srl di Antonio Vena (P.Iva 06434301005 ) e Matteo Vena ( P.Iva 15658451008) -Privacy Policy - Cookie Policy